Non solo teste di serie

11 contro 9? No, meglio 9 contro 9

16 Marzo 2017

di Lorenzo Pulcioni

Siamo in Sardegna, nel campionato di calcio della categoria Allievi. Giocano Pgs Audax e Gergel. Il mister del Gergel si avvicina al collega: "Mi dispiace, non siamo riusciti ad arrivare a 11. Giochiamo in 9". Pierluigi Lubrano, allenatore del Pgs, stringe la mano al collega e si avvicina ai suoi ragazzi che stanno finendo il riscaldamento: "Si gioca per vincere, ma più importante è rispettare gli avversari". Dà un'occhiata ai suoi ragazzi, poi la decisione: "Anche noi giochiamo in 9". L'arbitro non sa che fare, poi acconsente. La partita, tirata e combattuta, finisce 3-3. Particolare non di poco conto: l'Audax in classifica era terz'ultimo, il Gergel a metà graduatoria. Il mister e i suoi ragazzi, nel nome del fair play, hanno rinunciato forse a tre punti facili facili. Il Pgs è una Polisportiva animata da Salesiani che esiste da 30 anni e gioca a Frutti d'Oro, a metà strada tra Cagliari e le ciminiere della Saras di Sarroch. In panchina il mister ci mette due della sua squadra che avevano avuto un bisticcio tra di loro in allenamento. Non hanno fatto un fiato, hanno capito, poi sono entrati nel secondo tempo. Un gesto di fair play, riportato giustamente dalla stampa sarda. Parliamo di ragazzi tra 14 e 16 anni, ma una bella storia. E chissà quante di simili si perdono non trovando spazio sulle cronache sportive.

Ti consigliamo

Dal campo

GLI AZZURRI SONO SCARSI, MA LA FIFA FA PAURA E DA'

Abbiamo una Nazionale di brocchi, con due o tre campioni in pensione e qualche talento più o meno espresso. Abbiamo anche un allenatore che forse è andato ad allenarla più per pararsi il culo di fronte allo scandalo scommesse che per vocazione specifica, essendo, al di là dei motivi per cui ha accettato il comunque ricco ingaggio e l'incarico, un ottimo motivatore di gruppo qualora, appunto, quel gruppo abbia sotto controllo quotidianamente, non una volta ogni tre mesi, come le verifiche di educazione fisica prima delle pagelle alle medie.

9 Luglio 2015

Dal campo

Il dilemma da cui non usciremo mai: Messi o Marado

Da anni il ritornello è sempre lo stesso. Maradona o Messi, Messi o Maradona. Ormai sostenitori e detrattori dei due argentini più famosi della storia del calcio si affrontano e si confrontano, a suon di gol e magie, arrovellandosi sul quesito che forse non avrà mai risposta. Meglio il Pibe o la Pulce?

1 Giugno 2015

Dal campo

Pace fatta tra Conte e la Juve. Ma tra l'Italia e

La foto La Presse che ritrae Conte e Agnelli che si stringono la mano è la migliore notizia dell'amichevole di ieri sera tra Italia e Inghilterra, disputata a Torino proprio nello stadio bianconero. Così come la pace fatta, ammesso che sia stata mai guerra, tra Conte e gli juventini che hanno smesso di sentirsi orfani del ct da quando Allegri ha dimostrato (confermato) di essere un signore allenatore e hanno pure messo da parte la rabbia per l'infortunio di Marchisio.

1 Aprile 2015

Dal campo

Il primo calcio di rigore con la moviola in campo

Aldo Biscardi ne sarebbe fiero. E con lui, tutti noi frequentatori del Bar Sport. E' arrivato il primo calcio di rigore della storia assegnato con la video-assistenza arbitrale

14 Dicembre 2016

Dal campo

Qualcuno porti il Sassuolo in pellegrinaggio a Lou

Solo nel posticipo di ieri a Firenze si sono fatti male: Magnanelli, Cannavaro, Gazzola e Pellegrini. Poi c'è il mistero Berardi e in totale la conta degli assenti arriva a 11

13 Dicembre 2016

Dal campo

Icardi si scusa e resta capitano, ma noi abbiamo q

Siamo sinceri, sono in pochi per non dire pochissimi quelli che in questi giorni si sono schierati al fianco di Mauro Icardi, al centro di un'accesa polemica con la tifoseria

18 Ottobre 2016

Oggi alle corse

Uggioso, Tre Stelle e Scheggia nella trotteria di

Addirittura tre le dritte piazzate nel convegno all'ippodromo "Dei Fiori"

16 Marzo 2017

A briglia sciolta

Corrado Garofalo, fotoreporter della passione ippi

A quattro anni dalla scomparsa restano i preziosi scatti, il ricordo e l'esempio di un uomo speciale

14 Marzo 2017

Altri sport

E il passaggio del treno fermò la Tirreno-Adriatic

Le sbarre del passaggio a livello si abbassano e il gruppo di ciclisti è costretto a fermarsi per far passare il treno. È successo oggi alla Tirreno-Adriatico, in provincia di Macerata

13 Marzo 2017