Il borsino di Foà

Turno di (mezza) gloria per le provinciali

6 Novembre 2017

Anche se la favola del Benevento che vince allo Stadium contro i campioni d'Italia della Juve è stata prima "girata" da Higuain e poi spezzata dal gol di Cuadrado, il turno di Campionato ha fatto registrare una, sia pur parziale, impennata delle cosiddette provinciali e delle squadre medio-piccole.

Parziale, perchè per rivitalizzare Genoa e Sassuolo difficilmente basteranno pgliativi come per esempio il cambio di allenatore al Grifone, ma interessante almeno per il Torino, il Chievo, la Spal (che hanno pareggiato con Napoli, Inter e Atalanta) e per il Crotone, che è in forma ed è passato sul campo di un comunque labile Bologna, nonostante Verdi, il talento rossoblu, abbia realizzato nell'arco di sei minuti due reti su punizione una con il destro e una di sinistro.

Veniamo alle cosiddette grandi e cominciamo dal Napoli che non ha segnato contro un Chievo determinato e ben disposto, cioè arroccato, in difesa. In teoria con il pari i partenopei hanno perso due punti dalla vera prima avversaria -la Roma- e da sovrastimata Juve ma in realtà più che di questo e della "lecita" stanchezza preoccupa la mancanza di sbocchi tattici in partite come queste, dove Mertens, Callejon e Insigne faticano a trovaree li spazi per lanciarsi in velocità e magari servirebbe un centravanti meno "falso" e più "pesante". Niente allarmi comunque e non si faccia un dramma di una singola partita, dato che su 12 la squadra di Sarri ne ha vinte 10 e impattate 2.

Anche il pari tra l'Inter e il Torino ci sta eccome, primo perchè i granata (cui il recupero di Belotti è servito non solo in chiave gol ma anche a livllo tattico e psicologico) non sono una squadretta e secondo perché tutto sommato i nerazzurri hanno giocato meglio ieri di altre volte quando avevano addirittura vinto; insomma, con i limiti qualitativi e di rosa dell'Inter non poteva e non potrà essere sempre festa ma intanto il distacco dalla vetta è rimasto invariato. 

A proposito di limiti la Juve ha mostrato ancora una volta i propri ma alla fine è riuscita a battere il Benevento e oggettivamente senza rubare nulla, cosa che primo non è di tutti i giorni e secondo ci sarebbe mancato altro, perchè la palla è rotonda ma che i campani siano a zero punti è un dato di fatto chee fa quadrare i conti.

E veniamo alla Roma, l'unica a entusiasmare e a continuare una striscia vincente in maniera convincente: questione di forma, certo, ma anche di forza autentica ed assoluta, tanto più se Nainngolan  Strootman dovessero, loro sì, recuperare la condizion migliore. Perchè 6 gol e 4 punti in 2 partite al Chelsea non glieli può fare nessun'altra squadra italiana.

Infine, si ritorna a parlare di rilancio-Milan. Bene, cioè male, perchè primo di battere il Sassuolo di quest'anno sono capaci tutti e secondo una volta può andarti bene anche contro il Real ma se sei scarso scarso rimani. E il Milan, scarso, lo è...     

A chi il Campionato 2017-2018?

Vota la squadra secondo te favorita

26.32% Juventus, vincerà perché mancano gli avversari all'altezza

42.11% Napoli, ha cambiato poco e bene

15.79% Roma, ha perso Totti e altri pezzi pregiati ma ha più equilibrio e un bravo allenatore

0.00% Inter Spalletti il primo anno è quasi sopportabile

10.53% Milan, ha speso tanto, forse male, ma ha speso

5.26% Altra squadra

Prime pagine di oggi

24 Agosto 2017

Ti consigliamo

Il borsino di Foà

QUESTA SETTIMANA PARTE L'EX CAMPIONATO PIU' BELLO

Dunque ci siamo, riparte il campionato italiano di serie A. Che ormai, tanto di "A" non è più da tempo se si guarda al livello del gioco e dei giocatori ma tanto lo show deve continuare e alla fine va bene così, primo perché lo dice Vasco e secondo perché alla fine, eccheccavolo, è appunto un gioco, mica questione di vita o di morte. 

17 Agosto 2015

Il borsino di Foà

NAPOLI SEMPRE DUE SPANNE SOPRA E MILANO STENTA

Tutti a magnificare la sfida di sabato prossimo come la grande occasione per il sorpasso juventino al Napoli. Bene, cioè male, perché se non interverranno fattori più o meno esterni quali gambe molli, ambiente troppo pressante, bioritmi rovesciati e/o arbitraggio (per carità sempre possibili) la squadra di Sarri farà meno fatica a uscire da Torino ancora al comando della classifica di quanta ne ha fatta ieri a bucare la roccaforte del Carpi.

8 Febbraio 2016

A briglia sciolta

Palio e Voglia di Palio sfide tra Stelle e Comuni

Territorio e passione grandi protagonisti della tre giorni di Montegiorgio

5 Novembre 2017

Il borsino di Foà

Il Milan ha trovato il vero colpevole: l'Oroscopo

Napoli e Roma avanti tutta mentre la Juve ritrova Higuain

30 Ottobre 2017

Il borsino di Foà

Juve in crisi di idee ma nessuno lo ammette

Intanto la classifica è sempre più delineata e forse l'unica lotta aperta è proprio quella per lo scudetto

20 Marzo 2017

Il borsino di Foà

La Juve scappa, la Roma cade, il Napoli inciampa e

La gara per lo scudetto resta comunque aperta

30 Gennaio 2017

In questa categoria