Nel pallone

La risurrezione del Pipita, la "dedica" sbagliata a Milik

28 Settembre 2017

di Lorenzo Pulcioni

Resta in panchina una partita e mezza, poi entra e segna risolvendo un match che si stava complicando maledettamente. Il suo nome è Gonzalo Higuain, nome in codice Pipita, prezioso e lucente in tutta la sua stagione passata in bianconero (finali escluse) a giustificare largamente l'investimento corposo di 94 milioni di euro pagati dalla Juventus al Napoli per liberarlo. In questo avvio di stagione in realtà è stato piuttosto opaco. Almeno fino a ieri sera quando entra sullo 0-0 e in mischia, dopo un suo primo tiro respinto, ribadisce in fondo alla rete della porta greca spianando la strada al successo della Juventus sull'Olympiacos. Un successo necessario dopo il primo scivolone bianconero a Barcellona. Necessario soprattutto per zittire le voci su Gonzalo, che prima di ieri aveva segnato appena 2 gol in 7 partite. Troppo poche per uno come lui. E proprio mentre i soloni e i sapondi del calcio parlato nazionale cominciano ad affibbiargli addosso l'etichetta di "escluso" ecco che Gonzalo risorge dalla panchina, la seconda consecutiva dopo quella nel derby col Torino, e regala il successo alla sua squadra. Volevano invece regalare una dedica allo sfortunatissimo Milik, che dopo lo stop dello scorso anno rischia di rimanere di nuovo fuori a lungo, i suoi compagni del Napoli che si sono sbarazzati del Feyenoord. Ma il classico gesto della maglia mostrata dopo il gol non è venuto bene perchè Insigne, dopo aver realizzato, si è fatto passare dalla panchina quella che doveva essere la maglia dell'attaccante polacco. Ma evidentemente c'è stato un disguido e Zielinski ha passato la sua di muta. Un siparietto degno da Mai dire Gol. L'unico a non ridere, per via della sua sfortunata condizione, sarà stato proprio Milik.

Prime pagine di oggi

24 Agosto 2017

Ti consigliamo

Nel pallone

Bonucci e Marchisio, Ilaria e il Milan con la Juve

Una battuta neanche troppo infelice e infondata della conduttriche ha scatenato la reprimenda del Milan che finalmente mostra tutto il suo livore verso la Juventus

22 Agosto 2017

Nel pallone

VAR promosso ma con riserva: la proposta del Bar S

Positivo l'esordio del Video Assistant Referee nella Serie A italiana nonostante le indecisioni di Massa a Bologna. E se ogni allenatore avesse due "challenge" a scelta ogni partita?

21 Agosto 2017

Nel pallone

Champions, il Napoli pesca il Nizza: sarà sfida a

Sulla strada degli azzurri la formazione francese che in attacco può contare sull'ex azzurro. Andata al San Paolo il 15 o 16 agosto, la settima dopo il ritorno

4 Agosto 2017

Nel pallone

Un'estate "senza pensieri" prima del grande match

Scrivere correttamente Liechtenstein senza l'uso di Google è molto meno difficile dell'impresa che spetta alla Nazionale di Ventura: battere la Spagna in casa sua il 2 settembre

12 Giugno 2017

Nel pallone

Il paracadute che rischia di mandare in ridicolo i

Il precedente dello scorso campionato con il Verona che si scansa e lascia vincere il Palermo perchè gli conviene la retrocessione del Carpi. Imparare dagli errori? Giammai

22 Maggio 2017

Nel pallone

Dalla prima coppa al ritorno in A, il DNA fattore

Il 18 maggio 1977 una Juventus tutta italiana vinceva la sua prima coppa europea. Il 19 maggio 2007 dopo Calciopoli la squadra bianconera ritrovava la Serie A. Cosa è cambiato?

18 Maggio 2017