A briglia sciolta

La grande festa con Donna Anita, l'ippodromo a misura di cavalli e famiglie e l'ennesimo trionfo in sulky della Bandolera

23 Aprile 2018

di Redazione

Non c'era il pubblico delle grandi occasioni, sabato 21 aprile in occasione -appunto- della fantastica giornata all'Ippodromo del Castello, con la finale delle Miss, il tradizionale Trofeo Salfrutta di trotto amatoriale e la visita, con tanto di sfilata in carrozza (foto sotto, nel magnifico scenario ai piedi dello storico Castllo), di Donna Anita Garibaldi salita a Montechiarugolo per insignire proprietà e gestori dell'impianto della rara quanto significativa Medaglia d'Oro Garibaldina, in virtù della scelta di abolire l'uso del frustino.

Vero che di solito, al Castello, la gente viene la domenica e vincere le abitudini delle passioni è a volte più difficile che far camminare un orologio da polso senza batteria e con le lancette -o i cristalli- rotti, ma se, come dice il proverbio, gli asenti hanno sempre torto, si può ben aggiungere "peggio per loro" e stabilire che il torto, stavolta, se lo son fatti maggiore di ogni altra volta.

Donna Anita, accompagnata dalla figlia -anche lei entusiasta e anche lei Anita- portando con la leggerezza dell'entusiasmo il peso degli anni ha portato a questa bellissima festa aria di Storia e futuro, tradizione e progresso. E dopo la sfilata, di grande impatto scenico, ha colpito nel segno sul piano emotivo e del messaggio morale con poche ma incisive parole, in tre distinti momenti  "Felice di essere in un luogo d'amore, gratitudine e complicità verso gli animali e i cavalli in particolare, verso i ragazzi e la vita", "E' un piacere premiare Rolando Paterlini, uomo disposto al bene, in questo posto magico come nella struttura che ha finanziato in Africa" e, infine, dopo aver assistito alle gare ippiche appoggiata alla staccionata, uscendosene con un sorridente ma vero e sentito "Peccato siano finite, mi sarebbe piaciuto un mondo vederne ancora"...

In pista, nella sfida regina della stagione primaverile per quanto riguarda il trotto amatoriale, nella prima batteria, animata (video sotto) fin dalle prime battute, bellissima vittoria, un po' a sorpresa, per Albert "Rubacuori" Foà alla guida del fido Vagabondo che con il Boss rende sempre al meglio. Buon secondo Davide "Legnago" Zanetti in sulky al suo Pericle e terza una combattiva Niki Danieli con Winny. 

Seconda manche con la solita, quasi invincibile (specialmente quando non ha attorno chi la condiziona negativamente a livello energetico, mentale e in parte anche tattico-tecnico) Jessica "Bandolera" Pompa che con la bella "ballerina" Isabel ha messo subito in chiaro (video sotto) di essere la coppia da battere e una seria ipoteca anche sulla finalissima. 

Prima la "consolazione", con la bellissima affermazione di Winny e dell'appassionata Niki Danieli (foto sotto) dal bresciano e dalla disciplina degli "attacchi" letteralmente "rapita" dal trotto, con la complice affabilità dei coniugi Talpo, prima in quel di Padova e poi dal circuito itinerante delle Stelle. 

Come detto sotto lo sguardo "incantato" di Donna Anita -nonché di ippici autentici e di spessore quali il manager Giorgio Sandi, Roberto Brischetto, Spartaco Baldi e il sindaco di Montecatini Beppe Bellandi, che si è occupato delle cronache) è poi arivato (video a fondo articolo) il momento tanto atteso della finale.

Jessy e Isabel sono scattate ben presto al comando e da quel momento non c'è stata più storia e per loro si è trattato di una semplice, sia pure esaltante "passeggiata".

Quella dell'edizione 2018 ha significato per la bella e popolare driver la terza vittoria consecutiva nel "Salfrutta", ogni volta con cavalli diversi: due anni fa aveva trionfato con Pugno Volante, lo scorso anno con il simpatico Vagabondo. 

Un modo speciale di entrare di diritto, nel giorno di Donna Anita, nella storia dell'Ippodromo del Castello.

 

Il tuo driver del trotto preferito

Vota quello che ti ha fatto o ti fa entusiasmare con le sue guidate

11.03% Sergio Brighenti, il Pilota

6.94% William Casoli, il Professore

4.45% Edoardo Gubellini, il Gubella

3.74% Giancarlo Baldi, Tamberino

2.49% Carlo Bottoni, il Sorcio

7.12% Vivaldo Baldi, Decione

4.63% Nello Bellei, Ivan

11.03% Marcello Mazzarini, l'Ottavo Re di Roma

3.20% Anselmo Fontanesi, il Morino

9.43% Enrico Bellei, il Cannibale

0.89% Lamberto Guzzinati, Lambretta

1.78% Walter Baroncini, il Mago

3.20% Gian Paolo Minnucci, Jean Paul

1.60% Armando Pellicci, Er Pomata ("io c'ho i ritagli")

7.65% Pietro Gubellini, Pippo

6.05% Vittorio Guzzinati, Toscanini

2.31% Giuseppe Pietro Maisto

7.65% Roberto Andreghetti, Roby

2.49% Biagio Lo Verde

2.31% Pasquale Esposito jr

Prime pagine di oggi

Ti consigliamo

A briglia sciolta

Io, driver da scampagnata, con Civitanova e i cava

Massimo Pierini ricorda al Bar i palii del passato e sogna quello 2017

9 Novembre 2017

Oggi alle corse

Oktober e la "Bandolera" Jessica per colpire a Fer

Il feeling tra amazzone e cavallo ne fa la dritta piazzata del giorno

24 Agosto 2017

A briglia sciolta

Il duplice volo di Vagabondo e della "Bandolera" J

L'amazzone domina batteria e finale con il "cavallo venuto dal nulla"

3 Maggio 2017

Il borsino di Foà

Sarri sempre fuori posto, ma Benatia è peggio e Ko

Anche il Milan come previsto in crisi

23 Aprile 2018

A briglia sciolta

LA BANDOLERA JESSICA E LA MAGIA DEI CAVALLI

Una favola vera, scolpita sulla roccia dei sogni, della passione e di un talento semplicemente unico

27 Febbraio 2018

In questa categoria