Campioni di ogni tempo

Nadia Comaneci, la farfalla che raggiunse la perfezione

4 Dicembre 2018

di Lorenzo Pulcioni

Il 10, nel calcio, è il numero dei campioni. Nella ginnastica artistica è il numero della perfezione.

Una perfezione quasi ideale, eterea, virtuale e irraggiungibile. Stimolo e traguardo se non da raggiungere da avvicinare il più possibile, per tutte le ginnaste bambini e i poderosi ginnasti che si cimentano in questa difficilissima e faticosissima disciplina. Una di quelle che richiede maggior sacrificio, dedizione, lavoro.

Quarantadue anni fa, a Montreal, alle Olimpiadi organizzate in Canada, una giovane e graziosa ginnasta rumena entrò per sempre nella storia e nell'immaginario collettivo. Da allora, Nadia Comaneci, è il simbolo della perfezione. Più di Pele e Maradona. La bambina rumena con i capelli trattenuti da un nastrino bianco e rosso vola sulle parallele asimettriche in modo così perfetto che i giudici non possono che assegnarle il massimo punteggio.

Dieci, segna il tabellone elettronico. Non è un errore. Il pubblico si stropiccia gli occhi. Non era mai successo prima, tanto che tabelloni indicano 1.00 perchè non c'è modo di scrivere 10. La farfalla rumena raggiunse la perfezione altre sei volte vincendo tre medaglie d'oro (concorso generale individuale, trave e parallele asimmetriche), una d'argento (concorso generale a squadre) e una di bronzo (corpo libero). Aveva 14 anni, 8 mesi e sei giorni, il primo giorno di gare a Montreal.

Da quel momento l'età minima fu alzata a 16 anni. A Mosca quattro anni dopo arrivarono altri due ori e due argenti. Consolidando per sempre il mito della ginnasta perfetta.
 

Ti consigliamo

Campioni di ogni tempo

L'ULTIMO COLPO DI TESTA. DIECI ANNI "SENZA" GEORGE

Dieci anni fa morì George Best, il numero 7 del calcio più forte di tutti i tempi. Forte è l'aggettivo giusto per il campione che è stato, per l'emozioni che ha avuto e dato, per l'uomo che era e, soprattutto, per le sue debolezze... Sapeva giocare con tutto, George, anche con i suoi fantasmi, con i suoi "difetti" (che erano tali solo per la morale comune e per un ambiente che lo avrebbe voluto più baronetto e meno Bukowski), con la poesia che ne circondava la vita, i pensieri, la musica, l'arte ed il personaggio...

25 Novembre 2015

Campioni di ogni tempo

Vale va veloce tra le curve spericolate e il marke

Campione e personaggio unico, il signor Rossi, ha colorato vita e carriera di colpi do scena, passione, umanità e spettacolo

25 Aprile 2016

Campioni di ogni tempo

Di Bartolomei: il coraggio del capitano silenzioso

La lettera di addio di Totti: "Concedetermi un po' di paura e stavolta sono io che ho bisogno del vostro aiuto e del vostro calore". La stessa paura di essere dimenticato che colpì Ago

30 Maggio 2017

Chiacchiere da bar

Il mare? Meglio d'Inverno

Pressione, caldo, iodio. D'estate ci si rilassa meno

3 Dicembre 2018

A briglia sciolta

L'Onorevole Dottor Ercole e quell'amore chiamato c

Una passione mai vinta che lo riporta in corsa a dicembre

30 Novembre 2018

Attualità

L'Infinito di Vecchioni in Ogni Canzone d'Amore

Nuovo album per il cantaprof. E nel primo singolo, dedicato ad Alex Zanardi, torna la voce di Guccini

28 Novembre 2018

Caffetteria

Privarsi dei dolci a colazione aiuta. A ingrassare

La carica di torte, paste e brioche aiuta il buonumore e quindi la salute. E la bilancia

28 Novembre 2018