Caffetteria

Il caffè non fa male al cuore. Anzi, forse lo aiuta

5 Maggio 2016

di Redazione

Quella del caffè è una storia affascinante e ricca di tante leggende, spesso legate allo stretto rapporto tra caffeina e salute.
Il domandone rimane sempre lo stesso: Il caffè fa bene o fa male? Quanti caffè è ‘lecito’ bere durante una giornata senza provocare danni al proprio organismo?
La scienza ha più volte dato risposte contrastanti, ma un recente studio svolto dai ricercatori dell’Università della California a San Francisco (Usa) sembra essere arrivato ad una conclusione che rimette tutto, ancora una volta, in discussione. I risultati hanno infatti suggeriscono che no, la caffeina non provoca battiti cardiaci extra.

Lo studio, pubblicato sul Journal of American Heart Association all’inizio dell’anno, ha preso in esame il consumo costante di prodotti contenenti caffeina (quindi non solo caffè, ma anche tè e cioccolato) per un periodo di 12 mesi, e non il consumo 'acuto', cioè concentrato in un determinato momento.

I 1.388 partecipanti sono stati selezionati in modo casuale dal database Cardiovascular Health Study. Sono state valutate per un anno le loro abitudini alimentari di base ed è stato eseguito un monitoraggio elettrocardiografico ambulatoriale su tutte le persone. 
Fra i partecipanti, 840 (il 61%) consumavano più di un prodotto contenente caffeina al giorno. Alla fine del monitoraggio, i ricercatori non hanno trovato differenze nel numero di Pac (eccessive contrazioni atriali premature) o Pvc (eccessive contrazioni ventricolari premature) collegabili ai livelli di consumo di caffè, tè e cioccolato in questo gruppo, e non hanno riscontrato un’associazione con battiti cardiaci extra nemmeno in chi sceglieva più di frequente questi prodotti.

“Le raccomandazioni cliniche contro il consumo regolare di prodotti contenenti caffeina per prevenire disturbi del ritmo cardiaco dovrebbero essere riconsiderate dato che potremmo aver scoraggiato senza motivo il consumo di alimenti come il cioccolato, il caffè e il tè, che invece potrebbero avere benefici cardiovascolari”, ha dichiarato Gregory Marcus, il coordinatore del lavoro. Sottolineando però che “l’incertezza clinica porta ancora oggi a sconsigliarne l’abuso, per evitare presunti problemi cardiaci”. 

Quindi, caffè-dipendenti, non abbiate timore di consumare la vostra tazzina extra di caffè. Ma ricordate di non esagerare perché, a quanto pare, neppure questa volta la scienza è riuscita - per ora - a darci una risposta certa. 

Ti consigliamo

Caffetteria

Al via Coffee4Change - Un caffè sospeso contro la

I non più giovanissimi ricorderanno la tradizione, tutta napoletana, del 'caffè sospeso', cioè quella pratica per cui al bar, al momento del saldo della consumazione, si usava lasciare un caffè pagato a beneficio di uno sconosciuto che non poteva permetterselo. 

1 Ottobre 2015

Caffetteria

In Germania apre il "Caffè del tempo": mezz'ora a

A Wiesbaden, in Germania, è stato aperto il Das Zeit Cafè, ossia "Il caffè del tempo", in cui si vende, appunto, tempo.

16 Luglio 2015

Caffetteria

Bere dai 3 ai 5 caffè al giorno riduce il rischio

La ricerca su "Heart" pubblicata dal Telegraph e riportata dall'Huffington Post smentisce uno dei luoghi comuni più diffusi. Esagerare con il caffè non avrebbe effetti deleteri sul cuore, anzi tutto il contrario. Secondo la ricerca, infatti, bere dalle 3 alle 5 tazzine al giorno potrebbe portare effetti benefici alla salute e ridurre il rischio di avere un attacco di cuore.

4 Marzo 2015

Caffetteria

Se passate a New York andate al bar dedicato a Tim

Si chiama Beetle House ed è dedicato ad alcuni dei film più famosi del regista come Edward Many di Forbici, La Fabbrica di Cioccolato e Beetlejuice che dà proprio il nome al locale.

29 Aprile 2016

Attualità

Osservasalute 2015: fotografia degli italiani

Siamo sempre più vecchi e obesi; poco attenti a prevenzione e alimentazione corretta

26 Aprile 2016

Caffetteria

Cibo fusion: da sushi e hamburger ecco il sushibur

Due polpette compatte di riso al posto del panino burroso, all'interno invece che carne, insalata, bacon, pomodoro, cipolla e quant'altro, salmone e avocado, tonno e wasabi, pollo teryaki e manzo con salse.

13 Aprile 2016