BarGirl

Lo sguardo di Sonia, le curve e quella vocazione fin dalla Barbie

5 Giugno 2018

di Redazione

Sonia Borina, bellezza e talento davvero speciali, è la nuova scoperta della rubrica Bargirl.

Bellissima e incredibilmente sensuale (a soli 17 anni, nel 2008, è arrivata in finale a Miss Mondo), attrice emergente (sarà tra l'altro anche nel prossimo spot Tim, in uscita a giorni) deve la sua voglia -e la sua grinta- nel recitare a una vocazione - "insieme piacere e bisogno", dice- che viene da lontano.

 

(Sonia Borina in due scatti di Luca Schirano e, sotto, di Federica Talamini)

"Fin da bambina -racconta Sonia- quando, come tutte le bambine o quasi giocavo con la Baribie, mi appassionava moltissimo farle indossare una parte e recitarne la voce e lo stato d'animo, ogni volta fantastico e differente. Era divertente ma era qualcosa più di un divertimento, era il proiettarmi verso il mio sogno di diventare, di sentirmi -e di essere- attrice"...

I sogni si sa, li puoi accantonare, a volte finiscono nel più classico, sperduto e disordinato dei cassetti, ma, quando meno te lo aspetti, oppure semplicemente perché fino a quel momento avevi rimandato, saltano fuori; e se non lo fanno loro, li tiri fuori tu. Così è stato anche per la bella Sonia, che tre o quattro anni fa è ripartita alla grande -studi inclusi- con il progetto d'attrice, destinazioe destino.

"Adoro recitare, uscire da me ed entrare nel personaggio -spiega Sonia- essere un'altra. Non che io non mi piaccia o faccia fatica a sopportarmi, è che con me vivo e convivo da sempre e, anche se ho milardi di cose che ancora di me non conosco,  recitare non è soltanto libratorio, non è semplice sfogo, è anche mettere il naso, e non solo quello, fuori dalla routine"...

Ama il rosso ("Non il vino, che preferisco di gran lunga la Coca Cola, specialmente in vetro, il colore"), i cani e va matta per le canzoni di Laura Pausini. Le piacciono le storie romantiche ("Lo sono, romantica, non mi vergogno nè di esserlo nè di ammetterlo -dice- tanto che se fossi la regista di un mio film mi disegnerei addosso un ruolo più o meno d'amore e strappalacrime") e manco a dirlo adora "Titanic", film, musica, storia e attori compresi.

Sa di piacere, prima di tutto come donna, e la cosa non le dispiace affatto. Si vede sensuale e sa esserlo -e di esserlo- in ogni accezione, seducente come un alibi e una ragione di più ("ma sempre con eleganza, perché la femminilità è tutto, a volte anche erotismo, è anche un bel tacco 12 portato alla grande, ma mai volgarità") anche se alla fin fine pensa che di lei, al primo "impatto" gli altri, anche gli uomini, notino soprattutto il sorriso.

Di sè, del suo aspetto fisico, promuove a pieni voti lo sguardo (e non le si può dar torto, anche se forme, curve -da mal di mare che però fanno bene-, fianchi e dintorni non sono da meno) mentre "provo un po' di rancore per le mie orecchie", scherza.

A livello caratteriale, invece, "il mio difetto peggiore, anzi, direi il più grave e pericoloso, è che sono troppo sensibile" mentre dovesse dire di un pregio "senza dubbio la determinazione, non mi arrendo mai". E si capisce che è davvero così. Vuole arrivare e arriverà, Sonia...

 

(Lo sguardo di Sonia -e non solo quello- in un primo piano di Aldo Surace e, sotto, nello scatto di Francesco Tiburno)

Detesta "le falsità e i soprusi, le guerre" e ci mette un'intensità, nel dirlo, che uno capisce non è la classica risposta da "vorrei la pace nel mondo" a Miss Italia, ma qualcosa di sentito e ben radicato, come i valori che si porta dentro e coltiva ogni giorno, tanto che al primo posto, nella speciale classifica tra ciò per cui vale la pena di vivere, Sonia mette "la famiglia". Prima, perfino, di una grande storia d'amore...

"Prima, vero, ma -ci tiene a chiarire- il fatto che venga dopo non significa intenda rinunciarvi, anzi"...

Claro. Sonia vuole tutto, il massimo da e per se stessa.

Anche ad altre cose non saprebbe mai rinunciare: al caffè, le lasagne, la musica. Roma, la sua città ("La più bella del mondo"). E poi a quel sogno bambino, fin da bambina, mentre giocava con le bambole...

Avessi fatto parte della giuria chi avresti eletto Miss Ippodromo del Castello 2018?

Indica la preferita tra le cinque finaliste

23.68% Agata Lucchini

18.42% Alexia Beggi

11.84% Anxhela Sinjari

26.32% Barbara Bonvini

19.74% Laura Spimpolo

Prime pagine di oggi

Ti consigliamo

BarGirl

VALE "GLAM" REGGIO, LO CHEF CHE NON TI ASPETTI (MA

La bargirl di Capodanno, dunque l'ultima del 2015 e la prima a entrare nel 2016, con tutta la forza di sguardo, labbra, curve, forme e sensualità davvero speciali, ma anche per il piacere di ascoltarne storia, anima e sogni, è Valentina Reggio (foto cover e di chiusura Riccetto Max), romana e al tempo stesso cittadina del mondo perché spesso sorpresa, soprattutto da se stessa, con la valigia in mano. "Sì -spiega-anche per i due lavori che faccio e che amo, mi capita di dover viaggiare".

31 Dicembre 2015

BarGirl

GIADA, CARNALE E VERA, TUTTA DA SCOPRIRE...

Le piace un mondo piacere. E piace al suo mondo. A chi la conosce. Ne è felice, ma non si accontenta: "Non c'è nulla di più eccitante che essere desiderata da una persona che desidero io stessa -dice- ma devo ammettere che a prescindere, accendere la voglia e affascinare gli altri mi piace, è gratificante, ne ho quasi bisogno"...

28 Agosto 2015

BarGirl

Ines, la modella italiana che sfonda in Oriente e

Bella, sexy ed elegante, sta bruciando le tappe sulle riviste più seguite

25 Ottobre 2016

Altri sport

Le pagelle del Giro

Tra le note migliori la voce del Magro su Eurosport e la bellezza di Laura Betto in Rai

28 Maggio 2018

Attualità

Facile, con Lo Stato Sociale

Dopo Una Vita in Vacanza nuova hit tra Vasco, Jovanotti e...Gargiulo

26 Maggio 2018

Accadde oggi

I record di Owens e i compleanni di Padre Pio, Enr

Nasce anche Emma Marrone

25 Maggio 2018

Accadde oggi

Varenne, Star Wars, Alexia, Sonia, Laura e Giorgia

Il campionissimo del trotto nasce a Copparo

19 Maggio 2018