BarGirl

GIULIA, DAL BAR DI CODROIPO A VOLTO DELL'UDINESE

22 Ottobre 2015

Bella, ancora, come direbbe Guccini "di una sua bellezza acerba". Speciale e soprattutto vera, solare, tanto che così come ti arriva te la tieni, Giulia.

Bargirl in ogni senso, primo perché il suo primo lavoretto è stato proprio in un bar di Codroipo ("Lo facevo per pagarmi gli studi ma mi è anche piaciuto e devo dire servito molto, più che altro per abituarmi e sciogliermi nel contatto con la gente, nell'aprirsi e ascoltare", rivela) e secondo perché le prime bellezze da bar sport sono proprio le ragazze del pallone e lei, da qualche tempo, è il nuovo volto (e non solo quello) dell'Udinese e del suo canale televisivo.

"Ci sono arrivata per gioco, c'era una specie di bando, un concorso...L'Udinese è sempre stata la mia squadra del cuore, quella dei miei genitori e anche dei miei nonni, ho sempre desiderato di lavorare in tv e così ho mandato foto, filmato e curriculum...La sorpresa è che mi hanno presa. E a conti fatti posso dire che è stata una gran sorpresa, perchè mi ci trovo davvero bene e stiamo andando forte, è un bell'ambiente. E pensa che la gente mi riconosce per strada e mi fa i complimenti, che spero e credo sinceri. E' una bella soddisfazione", racconta.

In realtà Giulia Spadaccio, vent'anni di fanciulla in fiore, il contatto con la gente e il pubblico lo ha sempre cercato. Nella moda, con le sfilate e i concorsi per affermarsi come modella ("insisto e non mollo, anche perchè adoro indossare, ma spesso ho notato che vanno avanti le più spregiudicate o le raccomandate, che poi -lo dice scherzando, ma non troppo- spesso le due cose coincidono") e poi anche recitando, per ora più che altro in qualche videoclip musicale.

Anche e soprattutto nelle foto: "Stare davanti all'obbiettivo di un professionista è liberatorio ed eccitante in un tempo solo. E quando è bravo (come nel caso di Luca Mion, autore dei quattro ritratti sotto, ndr), dai suoi scatti e dagli stati d'animo che mi trovo a vivere in posa mi sembra perfino di conoscere parti di me che ancora solo, come dire, annusavo ogni tanto. Mi piace comunicare -spiega Giulia- con gli altri e foto e tv sono un mare di occasioni, in questo senso"...

Adora i cani anche se da bambina ne aveva timore e ora ha un gatto, il colore fucsia e l'acqua tonica ("sembrerà strano ma gli alcolici proprio non fanno per me", spiega), Giulia è semplice e complicata al tempo stesso. 

Di sè, del suo corpo, con il quale ha comunque un buon rapporto, le piacciono molto le gambe ("così come le ho modellate, con anni di danza; o almeno le avevo", scherza) da ballerina e anche il resto "via non è da buttare, anche se forse una taglietta in più di seno non guasterebbe ma mamma, in questo, ha abbondato con mia sorella Francesca, con me diciamo che si è contenuta" e, nel dirlo, sorride di nuovo.

Quanto al carattere "il miglior pregio è che sono simpaticissima, tanto che me lo dico da sola" mentre "se proprio proprio mi devo trovare un difetto diciamo che non è possibile, non ci riesco. Scherzi a parte, parlando seriamente, sono testarda a livelli record. Roba che fin quando le cose non sono come, dove, quando e perché dico io non mi arrendo e spesso rompo le scatole al prossimo". 

Meglio il mare della montagna (vacanza ideale a Tenerife), non cambierebbe Udine e il Friuli con altri posti d'Italia ("anche se mi piacerebbe la gente fosse un po' più aperta"), stravede per gli spaghetti allo scoglio e il pesce in generale e adora la musica al punto che "me la sono perfino tatuata addosso"; dove? "sulla schiena, diciamo sulla schiena, ma ce l'ho sotto pelle, nel sangue"

Gusti musicali? "Mi piace la musica. Ascolto molto pop e musica italiana, i grandi poeti e cantautori italiani". Ci fa anche tre nomi, di questi o di quelli che comunque considera tali: "Battiato, Venditti e, perchè no, ci metto pure Tiziano Ferro".

Canta anche bene. E soprattutto "cantare mi piace un mondo", dice. Tanto che se arrivasse il progetto giusto...Mai dire mai...

Film preferito Titanic (ma anche Dirty Dancing non scherza, sono una romanticona), attore Di Caprio, attrice "Monica Bellucci perchè è bellissima ed è il mio ideale di bellezza mediterranea" mentre tra i calciatori stravede per Cristiano Ronaldo ("ma quello è per gli occhi, lo sguardo del cuore è naturalmente per il grande Totò Di Natale, che anche quest'anno saprà trascinare la squadra").

 

Di lei colpisce lo sguardo, gli occhi profondi e accesi, a tratti socchiusi al vento anche quando il vento non c'è o sembra che non ci sia. E i modi, eleganti e semplici ("L'eleganza è fondamentale -dice- e credo che averla fuori arricchisca anche dentro, non riesco a riconoscermi e a confrontarmi, neppure a considerare, i tanti ragazzi che infarciscono ogni frase di parolacce e bestemmie come intercalare, per darsi un tono".

Affascinante e disinibita ("il fascino per me è un ingrediente misterioso e personalissimo, anche per chi lo subisce: io per esempio sono affascinata dalle persone sicure di sè che però vivono insieme e a volte per gli altri", spiega) ma al tempo stesso timida e riservata. Il sesso? "L'importante è l'amore, il sesso da solo non esiste, almeno per me".

 

Il momento più triste "quando, ero bimba, i miei hanno scelto e forse dovuto scegliere di separarsi", il più gioioso "quello del diploma, per la soddisfazione regalata a mia madre, che mi aveva sempre esortato dicendomi che l'avrei fatta felice portandole il diploma", il sogno del cassetto "quello di crescere ancora professionalmente e magari sfondare, in tv e come modella. Almeno una su due, dai...", conclude, con quel sorriso di disincantato incanto, che lascia tutto in sospeso...

 (ph: Cesare Bellafronte)

 

 

 

 

Ti consigliamo

BarGirl

NUOVE FOTO PER LA PICCOLA (MICA POI TANTO) IRENE T

Irene Terzo, la più giovane tra le bargirl 2015, ci regala nuove foto, che ne sottolineano fisico ed espressività.

28 Novembre 2015

BarGirl

DALLA JUVE ALL'ITALIA INTERA, DALLA PUGLIA AL VENE

Marialuigia Cericola viene dalla provincia pugliese, per essere precisi da Orsara, paese di duemila anime curiosamente gemellato con la tedesca Ukel. 

9 Aprile 2015

BarGirl

Martina Sprint. Scatti, sfilate, concorsi e Lavezz

Ama il mare, il blu (ma dice che addosso il nero le sta meglio), le gonne a tubino e sedurre, piacere, attirare sguardi e attenzioni

28 Marzo 2016

BarGirl

IL SOGNO DI "ELA" E LA MUSICA NEL CUORE

Appena uscito il nuovo singolo -"Prova a Ridere"- ha rapidamente scalato posizioni nelle classifiche degli store digitali e da appassionati di musica ci permettiamo il consiglio di acquistarlo ma non è di quello che vogliamo parlare -almeno non solo- nel raccontare tutta la bellezza di Manuela Arrighi, artista viareggina che oltre che cantante è fotomodella, attrice, giornalista sportiva e all'occorrenza anche "barista", nel locale dello sporting di famiglia ("Il Green Sport, con i campi di calcetto in erba sinteti

4 Febbraio 2016